Cavalcare le onde sul SUP è un’esperienza divertente, ma richiede tanto equilibrio e stabilità. Tutto dipende dalla posizione che assumi una volta saltato a bordo della tavola! Se stai cercando una risposta alla domanda “come salire sul SUP?” sei nel posto giusto: segui i consigli di Bertoni in questo articolo!

come salire sul sup

In questo articolo ti spiegheremo gli step fondamentali per affrontare il SUP. In particolare:

Partiamo dalle basi: come salire sul SUP

Sei in acqua, il tuo SUP galleggia davanti a te e stai cercando un modo per salirci sopra senza capovolgerlo o farti male. Come fai?

  1. Prima di tutto, indossa il leash e assicurati che la profondità dell’acqua sia corretta: deve arrivarti alle ginocchia

  2. A questo punto, scegli da che lato preferisci salire e identifica il centro esatto del SUP

  3. Una volta fatto, stringi con una mano la pagaia e appoggia l’altra mano sulla tavola

  4. Ecco che è arrivato il momento di salire: alza la gamba corrispondente al lato del SUP dove ti trovi e appoggia il ginocchio sul ponte

  5. Ti senti abbastanza stabile? Allora fai un piccolo balzo, sollevando anche l’altra gamba, e sali sul tuo SUP

Ora che hai affrontato la salita sul SUP, ricordati di divaricare le gambe alla larghezza delle spalle e resta seduto sulle ginocchia. Si tratta della posizione standard utilizzata anche nei momenti di riposo o quando le onde sono troppo alte da domare.

E dopo essere saliti, come ci si posiziona sul SUP senza perdere l’equilibrio?

Ora che sai come salire sul SUP, la sfida non è ancora finita, perché bisogna sapere come posizionarsi in modo sicuro e come mantenere l’equilibrio durante tutta la navigazione delle acque che hai scelto di solcare.

Ora che sei salito, sarai nella posizione di riposo, seduto sulle ginocchia, giusto? Bene, è tempo allora di alzarsi in piedi! Come?

  1. Stringi la pagaia con entrambe le mani e fai coincidere le maniglie con la larghezza delle tue spalle

  2. Ora tendi in avanti leggermente il busto in modo da posizionare le falangi più esterne delle tue dite sul SUP davanti alle gambe

  3. Fatto ciò, piegati ancor di più in avanti e, lasciando che il peso si sposti dal corpo alle mani appoggiate alla tavola, comincia a sollevarti pian piano: prima i glutei, poi un piede e di seguito anche l’altro

  4. Infine, dalla posizione accovacciata in cui ti troverai, solleva il busto e successivamente le gambe

Congratulazioni, sei riuscito a salire e a metterti in piedi sul tuo SUP! Non ti resta che mantenere l’equilibrio (è più semplice di quanto credi). Eccoti qui alcuni consigli:

  • Posizionati al centro esatto della tavola, mi raccomando, non sulla prua né sulla poppa!

  • Tieni lo sguardo fisso sull’orizzonte e mai sulla tavola o sui piedi
  • Mantieni la testa alta, le spalle dritte, il busto eretto e le ginocchia leggermente piegate
  • Il peso deve essere ben saldo sulle punte dei piedi, che dovranno essere puntati in avanti e paralleli ai bordi del SUP

Per spostare il tuo peso e muoverti sul SUP, sfrutta il movimento dei fianchi


Trova il SUP più facile su cui salire a seconda delle tue esigenze!


navigare-sul-sup



Quali modelli di SUP sono i più sicuri?

Sai come salire sul SUP, sai come restare in piedi in equilibrio sulla tavola. Cos’altro devi sapere? Come scegliere il modello di SUP più adatto alle tue esigenze, ovviamente!

Entrare in un negozio di sport nautico o sfogliare il catalogo online di un fornitore può sembrare difficile agli occhi di un principiante, ma anche di un professionista: ci sono talmente tanti modelli di SUP in circolazione che è difficile identificare il migliore.

Dopo aver seguito i consigli di Bertoni su come salire sul SUP, quindi, lascia che ti diamo qualche suggerimento per trovare la tavola che diventerà la tua migliore compagna d’avventura:

  • Innanzitutto, il SUP deve garantire la massima stabilità possibile. Trovare il giusto equilibrio è difficile, specialmente se sei agli inizi. Per questo, puoi scegliere un modello che facilita la stabilità una volta in piedi, come le versatilissime tavole all-round.
  • In secondo luogo, dai un’occhiata agli accessori in dotazione con il SUP: non solo pagaia e leash, ma anche una pompa per SUP gonfiabile, un sedile regolabile per chi preferisce pagaiare da seduto, o una pinna per ottenere maggiore velocità e maneggevolezza della tavola.
  • Infine, a seconda delle tue necessità, potresti preferire un SUP gonfiabile o un SUP rigido. Qual è la differenza? Scorri un po' più in basso per scoprirlo!

SUP rigido o gonfiabile?

Salire su un SUP rigido o su un SUP gonfiabile sono due esperienze diverse, proprio perché si tratta di due prodotti che possono avere forme e strutture simili ma che, a livello di performance, resistenza e praticità, offrono vantaggi ben distinti.

Vediamone insieme le caratteristiche fondamentali:

  • Il SUP rigido è una tavola realizzata con un materiale solido e stabile, generalmente in legno, vetroresina, resina epoxy oppure fibra di carbonio, a seconda dei modelli. Sono più resistenti agli urti e ai graffi, ma possono risultare più pesanti, specialmente per chi si approccia a questo sport per la prima volta.

  • Il SUP gonfiabile, invece, rappresenta una versione più moderna di quello rigido. È superleggero, molto più semplice e agevole da trasportare e dotato di tecnologie specifiche. Il contro è che richiede del tempo per essere gonfiato correttamente.


Scopri tutti i modelli di SUP disponibili sul nostro store!

Comments (0)

No comments at this moment
Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto da confrontare aggiunto.